fbpx

Terapia antiaging nell’uomo: le strategie ormonali

Andropausa, un termine che l’uomo ancora non accetta totalmente. Mentre la donna sa e conosce il proprio destino ormonale, sapendo di dover raggiungere quel momento della vita sessuale e riproduttiva riconosciuta come menopausa, l’uomo, al contrario, non sempre è consapevole o accetta la condizione di andropausa. Una condizione in cui anche i livelli ormonali di testosterone e i suoi derivati tendono a diminuire, con chiare ripercussioni metaboliche fisiche e sessuali.

Tutti identifichiamo l’ormone maschile nel testosterone, ma non dobbiamo assolutamente dimenticare – o meglio – dovremmo sapere che esistono ormoni quali gli estrogeni, il progesterone, il dea, che talvolta vengono identificati come ormoni femminili. In realtà sono presenti anche nel corpo maschile e che devono avere dei valori ottimali per presentare il loro giusto contributo.

L’uomo che riferisca quindi un calo della prestazione psico-fisica, difficoltà di concentrazione, un’eccessiva stanchezza, una mancanza di progettualità, una difficoltà nella memorizzazione presenta un calo psicofisico che si ripercuote anche purtroppo nella prestazione sessuale. Dovrebbe quindi interfacciarsi con il proprio andrologo di fiducia, eventualmente perfezionato in endocrinologia andrologica, per ricercare insieme eventuali cause ormonali allo stato di malessere che – altra cosa – possono sconfinare anche nella depressione.

Ecco che spesso ci si trova di fronte a quadri ormonali in cui il livelli di testosterone totale e III S sono molto bassi. Come anche bassi possono essere l’idea di estrogeni che derivano dalla aromatizzazione del testosterone il progesterone e il pregnenolone.

Oggi ci sono possibilità di recupero di queste situazioni. Recupero dell’andropausa con terapie ormonali di tipo stimolatorio o sostitutivo (non obbligatoriamente di tipo chimico) ma anche con ormoni bioidentici: la così chiamata bhrt di tutte le finestre terapeutiche che si possono offrire all’uomo. Ne parleremo nel prossimo articolo.

Dr. Andrea Militello – Urologo Andrologo – www.urologia-andrologia.net

Nato a Ravenna il 19 settembre 1965

Specialista Urologo Andrologo, diplomato alla scuola Italiana di Ecografia, Master in perfezionamento in chirurgia protesica e fisiopatologia della riproduzione umana. Socio attivo delle principali Società Italiane di Urologia e Andrologia. Libera docenza presso Università Federiciana di Roma e Cosenza in scienze Urologiche. Docente presso Accademia Biomedica Rigenerativa. Esperto in medicina antiaging. Reviewer della rivista internazionale Central European Journal of Urology. Premiato nel 2014 e 2018 quale miglior Urologo e Andrologo d’Italia. Svolge attività privata a Roma, Viterbo, Avezzano, San Marino, Milano e Cosenza (Acri).

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!