fbpx

Tampone salivare per il green pass: cosa c’è da sapere

Via libera al tampone salivare per ottenere il green pass. Uno strumento in più (e meno invasivo) per la quasi ormai indispensabile certificazione verde, che consente, come ricordiamo qui, di accedere a una serie di servizi.

Lo prevede il testo del decreto Green Pass approvato alla Camera dei deputati, che contiene anche altre modifiche alla precedente disposizione. Tra queste, il tampone obbligatorio per accedere al pronto soccorso, validità del green pass estesa a un anno (non più nove mesi), prezzo calmierato per i test antigenici e molecolari, esteso a fine novembre.

Tampone salivare, come funziona

Non solo tamponi molecolari e test antigenici naso-faringei, ma anche test salivari ora per ottenere il green pass valido 48 ore. Si tratta di uno strumento utile, soprattutto per i bambini, anziani e disabili, perché poco invasivo: anche in questo caso ne esistono di due tipi, quello molecolare e quello antigenico (rapido). Solo quello molecolare sarà utile per l’ottenimento della certificazione verde, perché più attendibile.

Il tampone raccoglie una piccola quantità di saliva per verificare la presenza delle proteine superficiali del virus. Con il tampone rapido, che consente di ottenere il risultato in 10 minuti, si inserisce la saliva nella provetta in dotazione, si aggiunge un liquido reagente e si posiziona su un tester. Il tampone molecolare richiede invece un’analisi di laboratorio della saliva, perché prevede la ricerca dell’rna del virus: i risultati si ottengono in 24 ore.

Quanto costa e dove si può comprare il tampone salivare

Si stima che i costi siano simili a quelli degli altri tamponi: secondo AltroConsumo, i prezzi dovrebbero oscillare tra i 64 e i 105 euro, a seconda delle regioni. Naturalmente, i costi dei tamponi salivari antigenici saranno più bassi, ma ricordiamo che non serviranno per il green pass (per il quale occorre il tampone salivare molecolare).

Sarà possibile acquistare i tamponi rapidi in farmacia e al supermercato. È già partita invece la distribuzione nelle varie Asl regionali dei tamponi salivari per il monitoraggio della diffusione del virus nelle scuole primarie e secondarie: i primi test, per esempio, sono già arrivati nelle Asl di Liguria e Piemonte.

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!