fbpx

Ricette dal mondo: la cucina cubana

cucina cuba
Cuba è un melting pot di culture: lo si percepisce dalla sua gente, dalla sua arte, dalla sua architettura e, soprattutto, dal suo cibo. I sapori della cucina cubana sono un misto di culture gastronomiche spagnole, francesi, caraibiche e africane ma anche, stranamente, cinesi. Dall’unione di sapori spagnoli e africani ha origine la cucina creola…

Cuba è un melting pot di culture: lo si percepisce dalla sua gente, dalla sua arte, dalla sua architettura e, soprattutto, dal suo cibo. I sapori della cucina cubana sono un misto di culture gastronomiche spagnole, francesi, caraibiche e africane ma anche, stranamente, cinesi.

Dall’unione di sapori spagnoli e africani ha origine la cucina creola e praticata nei ristoranti locali, chiamati paladeres. I ristoranti nascono in realtà come case private autorizzate dal governo a cucinare per i turisti, ma recentemente si sono evoluti verso la concezione comune di ristorante. Dell’antica concezione rimangono i sapori antichi, le ricette di una volta, l’ospitalità dei padroni di casa che trattano i turisti con riguardo e illustrano, divertiti, le usanze culinarie tipiche.

La carne è presente in molti piatti e cucinata secondo molti ricette, sia arrosto che fritta o in padella. La carne è soprattutto di maiale, da cui vengono ricavati anche i famosi chicharrones, usati come stuzzichini ideali accompagnati da rum o birra.

Molto comuni in cucina sono anche il pollo e le banane, che accompagnano spesso le portate principali, insieme a ricche insalate di avocado.

Un piatto tipicamente cubano è l’ajiaco, una minestra a base di patate, banane, mais, manzo, pollo e carne secca e viene accompagnato con il congrì. Se alletta l’idea di sapori atipici, è da provare il fufu, un purea di banana con mojo, olio e aglio.

La frutta fritta è particolamente apprezzata, soprattutto le banane (mariquitas o chicharritas) o perché no, gli alberi di platano. I tostones sono infatti fette di platano fritte due volte, così per mantenersi leggeri.

La frutta, quando non è fritta, viene mangiata anche come dessert e ne esistono varietà particolari che ultimamente si stanno diffondendo molto anche in Italia: mango, papaya, guayba, ma anche ananas e lime. La frutta è una delle eccezionalità di Cuba: nei mercati ortofrutticoli vi sono banchi pieni di ogni tipo di colore, profumo e gusto.

A Cuba si beve rum, bevanda nazionale apprezzata in tutto il mondo ed estratta dalla canna da zucchero. Oppure birra, se non ve la sentite di andare sul pesante; d’altra parte si dice che l’acqua faccia fare la ruggine! A tal proposito, per ovviare al problema del caldo, esiste una birra locale a bassa gradazione alcolica, leggera e dissetante, che alleggerisce e facilita la digestione.

Il vino, al contrario, è considerato un bene di lusso, poiché generalmente importato a causa del clima tropicale che impedisce la coltivazione dell’uva.

Scopri i segreti dell’Avana e la natura di Cuba!

Scarica il coupon di Altraetà e vola a Cuba con Alpitour!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!

Resetta la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email o nome utente. Riceverai un link per creare una nuova password via e-mail.