fbpx

Quando il libro è su misura

Ciascun libro crossmediale di Eosliber è uno spaccato della nostra realtà. Uno strumento per ascoltare e non solo sentire, osservare e non solo vedere, rendersi conto e non solo leggere

Leggere e scrivere sono due attività fondamentali per la nostra esistenza: quando ci leggiamo o ci scriviamo, capiamo meglio chi siamo e ci trasmettiamo agli altri per come ci comprendiamo. Un processo in cui si cresce, si cambia e si comunica. Con l’aiuto di Eosliber, piattaforma crossmediale ideata dalla startup Ripensarte, chiunque abbia un’idea, un desiderio, una storia da trasmettere, la può pubblicare, in modo unico e innovativo: a disposizione c’è tutta l’esperienza di un team di professionisti, scrittori, grafici, artisti, fotografi che lavorano insieme per raggiungere il miglior risultato.

Un libro crossmediale: cos’è e perché farlo su misura

Questo risultato si chiama libro crossmediale, che si ispira allo “storytelling crossmediale”, cioè una tecnica narrativa con cui si declina un racconto su più media: dalla carta stampata alla tv, passando per il web e finendo sui social network. I libri crossmediali Eosliber sono libri “fisici”, stampati, che però, grazie all’apposita app, attivano sul cellulare una serie di ulteriori contenuti di realtà aumentata: video, suoni, messaggi vocali di spiegazioni, modelli 3D, animazioni. «Crediamo che la tecnologia sia molto utile per raccontare certi tipi di storie in cui i contenuti multimediali, a cui siamo abituati e che oggi sono parte della nostra quotidianità, possano arricchire l’esperienza della lettura coinvolgendo più sensi – spiega la fondatrice Giovanna Agostoni – Questo modo di vivere il libro è coerente con la realtà che viviamo oggi. Un linguaggio grazie al quale il racconto si sviluppa su tutti questi piani può promuovere una cultura dell’osmosi fra generazioni e fra culture diverse, in termini sia di tempo, sia di spazio».

Le storie e i lettori

Eosliber pubblica diversi tipi di storie che si possono suddividere in tre aree: storie di vita, legate alla memoria di una persona, ma anche di una famiglia o di un luogo; storie di viaggi, pensate per custodire i ricordi di avventure vissute, arricchite di spunti di riflessione e storie; storie per bambini, inventate da piccoli autori, nonni o genitori, che le hanno sentite durante la loro infanzia o che le hanno create a partire dalla loro esperienza personale e vogliono trasmettere ai più piccoli vere pillole di saggezza o momenti di divertimento. «Ogni storia raccontata – osserva Agostoni – è uno spaccato della nostra realtà, un tassello della cultura del Paese, un contributo per capire il senso della storia e di quello che potrà accadere. Uno strumento per ascoltare e non solo sentire, osservare e non solo vedere, rendersi conto e non solo leggere».

Per ulteriori informazioni e per pubblicare con Eosliber clicca qui https://www.eosliber.com/pubblica/

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!

Resetta la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email o nome utente. Riceverai un link per creare una nuova password via e-mail.