fbpx

Perché la vitamina D può ridurre il rischio caduta

Anziani e cadute: anziana signora per terra

Le cadute sono spesso la causa di fratture ossee negli uomini e nelle donne a partire dai 60 anni. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, 37,3 milioni di cadute ogni anno sono abbastanza gravi da richiedere attenzione e intervento medico. Sono molteplici i fattori che possono aumentare le probabilità di caduta: tra questi, l’osteoporosi, che in Italia coinvolge il 23% delle donne oltre i 40 anni e il 14% degli uomini con più di 60 anni. Ma anche un basso apporto alimentare di vitamina D, come riportato nella sezione “Mind the gap” del sito Iadsa.

Anche Integratori Italia, associazione italiana aderente a Confindustria, che contribuisce alla crescita della conoscenza, del corretto utilizzo e della qualità dell’integratore alimentare, fa il punto sull’importanza del supplemento della vitamina D per ridurre il rischio di fratture da caduta.

Uno studio statunitense pubblicato da Frost & Sullivan, che ha valutato il periodo 2013 al 2020, ha evidenziato che sarebbe stato possibile ottenere un importante risparmio economico dall’uso di alcune sostanze nutritive presenti negli integratori, in una popolazione over 55 affetta da patologie croniche con gravi impatti sociali e a rischio di complicanze. Tra i vari integratori considerati, quelli con calcio e vitamina D potrebbero far risparmiare circa 4 miliardi di euro per anno in Europa in termini di costi sanitari evitabili, riducendo il rischio di fratture del femore e del bacino e di fratture in generale.

Sempre l’Oms, in un rapporto sulla prevenzione delle cadute tra gli anziani, afferma che “prove in aumento sostengono [che] l’assunzione di calcio e vitamina D migliora la massa ossea tra le persone con bassa densità ossea, riduce il rischio di osteoporosi e di caduta. Le persone anziane con un basso apporto di calcio e vitamina D possono essere a rischio di cadute, e quindi di fratture che ne derivano”.

Anche la Commissione europea ha riconosciuto la vitamina D come alleato della salute delle ossa: “la vitamina D aiuta a ridurre il rischio di caduta associato all’instabilità posturale e alla debolezza muscolare. La caduta è un fattore di rischio di fratture ossee negli uomini e nelle donne a partire dai 60 anni”.

Questa vitamina aiuta a migliorare la funzione muscolare, la forza e l’equilibrio. L’indicazione può essere utilizzata solo per gli integratori alimentari che forniscono almeno 15μg di vitamina D per dose giornaliera. Il consumatore dovrebbe quindi essere informato che l’effetto benefico si ottiene con un’assunzione giornaliera di 20μg di vitamina D.

Clicca qui per maggiori informazioni

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!