fbpx

Maxibasket, al via i Mondiali a Montecatini

Hanno preso il via venerdì 30 giugno a Montecatini Terme i campionati mondiali di Maxibasket, il basket dai 40 anni in su, fino alla categoria Over 75. L’edizione toscana (la 14.a) si presenta con un sonante record mondiale, ben 380 squadre iscritte, stracciato il primato precedente di 232 squadre a Orlando (Florida) di due anni…

Hanno preso il via venerdì 30 giugno a Montecatini Terme i campionati mondiali di Maxibasket, il basket dai 40 anni in su, fino alla categoria Over 75. L’edizione toscana (la 14.a) si presenta con un sonante record mondiale, ben 380 squadre iscritte, stracciato il primato precedente di 232 squadre a Orlando (Florida) di due anni fa. Negli ultimi 9 anni l’Italia, guidata dall’allenatore Alberto Bucci, ha conquistato nel Maxibasket cinque titoli mondiali e 10 europei nelle categorie più giovani (Over 40, 45 e 50).

Questi sono gli unici azzurri che nel basket conquistano medaglie in campo internazionale. Ora ci provano in categorie fra le più anziane. Quest’anno infatti per la prima volta parteciperanno nazionali italiane con giocatori di oltre 60 anni (Over 60, 65 e 70). L’azzurro più anziano è il trevisano Giorgio Bortolozzi, 80 anni, che gareggia nella nazionale Over 70 allenata da coach Tonino Zorzi, 82 anni.

Può sembrare difficile mettere assieme squadre di basket di 70 anni o giù. Gli gli avversari più tosti per giocatori dai 60 anni in su non sono gli avversari in campo, ma quelli che si trovano nei loro stessi organismi. Con l’avanzare dell’età, aumentano fatalmente rischi e malattie. ‘La vecchiaia è di per se stessa una malattia’, osservava Cicerone nel suo trattato sulla vecchiaia. E di patologie ce n’è per tutti i gusti: ginocchia rotte, artrosi, disfunzioni della circolazione, sciatica, perdita di massa e potenza muscolare, Parkinson, guai cardiaci.

Ma i tempi sono cambiati, e parecchio. Dal nuovo millennio in poi un cinquantenne o un sessantenne sono in grado di fare cose che nelle generazioni precedenti i pari età non si sognavano neanche. Per non parlare delle donne: ci sono delle cinquantenni e passa che fanno girare la testa, e non sono poche. Tutto questo è frutto del miglioramento delle condizioni di vita, della dieta, degli straordinari progressi della medicina. Di qui nasce il mutamento epocale che ha trasformato i signori di mezza età in giovani d’epoca, diciamo così. Di qui nasce il boom del maxibasket, che spinge gli appassionati di basket a tornare in campo, senza tanti fronzoli.

Del resto il termine maxibasket richiama il minibasket: è un ritorno alla purezza del gioco, all’agonismo allo stato puro, lontano dai veleni del professionismo. E’ la voglia di rimettersi in gioco, di sfidare gli avversari, di migliorare se stessi, di tornare a provare emozioni lontane.

La formazione delle nazionali azzurre per le categorie più anziane, dalla Over 75 in giù,  è nata da queste premesse. È difficile capire quanto forte possa essere la passione per il basket finché non si vedono all’opera giocatori che si impegnano nel maxibasket. Capelli d’argento e cuori d’oro: questi sono i ragazzi settantenni – o giù di lì – che si sono buttati nell’impresa dei mondiali.

Un ragazzo d’oro, sia pure d’epoca, è il trevisano Giorgio Bortolozzi, il quale  ha una certa dimestichezza con le medaglie ‘oro e con i titoli internazionali, visto che ha già vinto due mondiali nel salto in lungo e altri due nel salto triplo (categoria Over 75) per non parlare dei titoli europei e dei piazzamenti da podio conquistati in decenni di attività agosnistica internazionale. Sulla maglia in campo Giorgio avrà il numero 80, che è la sua età.

Un altro ‘Over’ d’eccezione è Peppe Vento, 75 anni, che dopo aver smesso di giocare a basket, si è dedicato al tennis, e attualmente è fra i primi dieci del mondo nella categoria Over 70. Con i mondiali di Montecatini, Vento torna con gioia al suo primo amore, il basket.
La formazione della nazionale Over 65 è stata abbastanza agevole. E velocissima è stata quella della nazionale Over 60: è bastato un appello lanciato sui principali siti di basket, e nel giro di due-tre settimane la squadra era fatta. Fra gli azzurri ‘d’epoca’ non mancano le figure professionali di spicco.

C’è un Cavaliere del Lavoro, Antonio Bulgheroni (Over 70) che ha però dovuto abbandonare per la rottura del tendine di Achille; Silvano Polo (Over 65) è stato sindaco di un comune importante, San Bonifacio di provincia di Verona;  ci sono poi cinque medici: Bortolozzi, Cavallini, Papetti e Motta (Over 70 e 65) e Maccheroni (Over 60). Giovanni Boniolo, (Over 60) è docente di Filosofia della Scienza all’Università di Ferrara. Gli impegni di lavoro hanno impedito infine a un imprenditore famoso – oltre che Onorevole – come Santo Versace di essere in campo con la nazionale Over 70, sarà per un’altra volta.

Partecipazione record a Montecatini – Le squadre iscritte ai mondiali di Montecatini sono 350, record precedente 232 squadre a Orlando (2015) e a Salonicco (213).  All’inizio di maggio le iscrizioni sono state chiuse. Non esiste al mondo nessun altro sport che raduna un numero così alto di partecipanti per 10 giorni.

ITALIA OVER 70
Giorgio Cedolini, Vasco Properzi, Nino Comelli, Giuseppe Zanardi, Paolo Gambardella, Peppe Vento, Dino Rama, Claudio Turra, Claudio Cavallini, Eligio De Rossi, Giuliano Ceper, Giorgio Bortolozzi,
Allenatore: Tonino Zorzi
Vice: Gianni Trevisan – Medico: Angelo Motta – Fisioterapisti: Massimiliano Paoltroni, Marco Cedolini
Sponsor: Mister Day

ITALIA OVER 65
Gianni Trevisan, Roberto Quercia, Claudio Talamas, Silvano Polo, Giorgio Papetti, Giorgio Devetag, Pino Maresca, Alberto Paccapelo
Angelo Motta, Gabriele Schiavon, Carlo Napolitano, Federico Nizza, Luciano Giannini, Enzo Tomasella,
Allenatore: Tonino Zorzi
Vice: Gianni Trevisan, Tullio Chiocciola – Medico: Angelo Motta  – Fisioterapisti: Massimiliano Paoltroni, Marco Cedolini
Sponsor: Mister Day

ITALIA OVER 60
Alex Marchetti, Pino  Maccheroni, Giovanni Boniolo, Andrea Magaddino, Massimo Falcin,  Giuseppe D’Orsi, Silvio Donadoni, Aldo Cervino, Virgilio Marino, Giuseppe Ponzoni, Gianfranco Giani, Piero Giani, Rodolfo Valenti, Corrado De Angelis, Maurizio Benatti
Allenatore: Maurizio Vortici
Vice: Maurizio Benatti – Team Manager: Loris Benelli
Sponsor: Umana

(Mario Natucci)

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!

Resetta la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email o nome utente. Riceverai un link per creare una nuova password via e-mail.