fbpx

Mantenersi in forma a 50 anni: alcuni consigli pratici e semplici

Le attività per mantenersi in forma a 50 anni

Mantenersi in forma anche dopo aver compiuto 50 anni è sicuramente raccomandabile sotto il punto di vista della salute, in quanto permette di mantenere tonico il proprio fisico e allo stesso tempo fa sì che la persona si prenda cura del proprio corpo attraverso degli esercizi in grado di potenziare le varie funzionalità corporee.

Mantenersi in forma a 50 anni può sembrare un’impresa titanica per molti uomini, ma non è così, fidatevi! Certo, il tempo che passa non si può certo fermare e non potremo avere certe caratteristiche dei nostri venti o trent’anni, ma ci sono tante cose che possiamo fare, dagli esercizi per mantenersi in forma all’alimentazione ad altre buone abitudini, che manterranno il nostro corpo attivo ed in salute.

In linea di massima, gli esperti del settore indicano di allenarsi per circa 30 minuti al giorno fino ad un massimo di cinque volte a settimana, in modo che il corpo non sia esposto a sforzi eccessivi e si possano ottenere importanti risultati in seguito al tipo di allenamento prescelto.

È importante sapere però, che esistono delle particolari tipologie di allenamenti che risultano essere più idonee rispetto ad altre, in quanto bisogna seguire scrupolosamente delle indicazioni al fine di evitare rischi e conseguenze che potrebbero insorgere qualora l’allenamento non fosse strutturato per persone dai 50 anni in su.

Scopriamo insieme perché è raccomandabile allenarsi dopo aver compiuto i 50 anni, quali ritmi seguire e quali rischi evitare.

Come mantenersi in forma a 50 anni: gli sport da fare

sport a 50 anni

Un consiglio che vi daranno tutti i medici per restare in forma a 50 anni è quello di fare sport e movimento fisico. Nessun particolare sport è precluso dopo i cinquant’anni: chi è ancora ben allenato può continuare a giocare a calcio con gli amici, a basket, pallavolo o altri sport di squadra. Sono più di quelle che pensiate le squadre di over 50 che partecipano a tornei amatoriali. Se l’agonismo non fa per voi potete comunque giocare ed allenarvi con il vostro gruppo di amici! È importante in questi casi eseguire sempre bene la fase del riscaldamento, per evitare brutti infortuni. Se fate sport atleticamente dispendiosi è utile mantenere uno stile di vita attivo: è sconsigliato fare una vita totalmente sedentaria e poi fare una partita di calcetto di un’ora!

Alimentazione sana: la nostra migliore alleata per mantenersi in forma

I due principali pilastri per mantenersi in forma sono l’alimentazione sana e l’attività fisica. Dopo i cinquant’anni il nostro fisico risente maggiormente dei cambiamenti, l’aumento di peso è più frequente ed il recupero di uno stato di forma che ci faccia sentire bene è più lento. Per questo motivo occorre affidarsi ai consigli degli esperti, come le linee guida del Ministero della Salute per l’alimentazione, e seguire questi semplici consigli:

  • bere tanta acqua
  • avere una dieta sana ed equilibrata
  • prediligere cibi con tante fibre
  • non eccedere in grassi e zuccheri
  • mangiare legumi e pesce
  • mangiare di più alimenti a cottura “dolce”, come quella a vapore

In caso di problemi di peso non affannatevi per cercare di dimagrire in fretta: anche il dimagrire a 50 anni è un processo lento e che è bene affrontare con la costanza della corretta alimentazione, del movimento e soprattutto seguendo i consigli del proprio medico e nutrizionista.

Correre dopo i 50 anni: uno sport sempre salutare per rimanere in forma

correre a 50 anni

Non è mai troppo tardi per iniziare a correre. È uno sport semplice, per il quale bastano solo un paio di scarpe e ti consentirà di tornare in forma. Anche in questo caso non serve imporsi ritmi da maratoneti o sessioni di allenamento estenuanti, è importante iniziare anche con pochi km di corsa e poi aumentare il ritmo fino a raggiungere un livello che ci consenta di faticare il giusto. Siccome i nostri muscoli non sono più quelli di dieci o venti anni fa, fate sempre adeguato riscaldamento prima di iniziare a correre.

Scegliete bene anche le scarpe che utilizzerete, vale la pena spendere un po’ di più per avere un modello in cui i piedi siano comodi. Le caratteristiche indispensabili sono quelle che garantiscono la migliore ammortizzazione e la protezione di piedi e caviglie. In questo modo correre a 50 anni sarà più sicuro e piacevole e si ridurrà il rischio di infortuni. I benefici della corsa sono molti, tra cui quello di bruciare calorie, rinforzare il sistema immunitario, stimolare la produzione degli ormoni del buonumore e diminuire i livelli di stress ed il rischio di malattie cardiache. Inoltre, cosa che non tutti sanno, uno studio dell’università del Kentucky ha svelato come nelle persone di età tra i 50 e 69 anni che corrono almeno tre volte a settimana si producessero nuove cellule cerebrali. Correre fa ringiovanire anche il nostro cervello!

Ciclismo dopo i 50 anni

Il ciclismo è sicuramente uno degli allenamenti più consigliati dopo aver raggiunto la soglia dei 50 anni di età, anche se comunque bisogna praticare questo sport con attenzione in quanto potrebbero subentrare alcuni rischi.

Andare in bici permette di allenare il sistema cardiocircolatorio e apportare tantissimi benefici per quanto riguarda la respirazione, anche se, in seguito a sforzi fisici prolungati nel tempo, potrebbero subentrare delle anomalie.

Con il passare del tempo infatti, il corpo tende a perdere tessuto muscolare e quindi può verificarsi quella che viene definita come sarcopenia, una condizione fisica che comporta la perdita della massa magra.
Contrariamente a quanto si pensa, andare in bici non influirà sul peso e sulla massa muscolare, in quanto, grazie a questi esercizi, si vanno ad allenare il cuore e la respirazione inducendo la produzione di sostanze che, con il passare del tempo, potrebbero risultare più scarse, come ad esempio il testosterone negli uomini.

Andare in bici dopo i 50 anni permette di potenziare la forza di ogni organismo, in quanto si mettono in atto dei movimenti in grado di intensificare la densità ossea, elemento molto importante soprattutto per le donne.
Allo stesso tempo questo allenamento riesce a prevenire l’insorgenza delle infiammazioni che solitamente colpiscono i tendini e i legamenti.

Per evitare spiacevoli infortuni è bene allenare ogni muscolo coinvolto nell’esercizio e assumere una posizione corretta che non solo diminuirà la possibilità di farsi male, ma contrasterà l’azione di fattori esterni che potrebbero gravare sul soggetto.
Questo tipo di allenamento può essere svolto da soggetti con più di 50 anni anche se è consigliabile svolgerlo per un tempo massimo di circa 30 minuti al giorno, poiché tempi più lunghi potrebbero comportare più danni che benefici.

Sport al chiuso: ginnastica, yoga, piscina

ginnastica dopo i 50 anni

Per chi non volesse avventurarsi in sport all’aperto, le attività in palestra o piscina sono sempre utili per restare in forma. Ginnastica, yoga e nuoto sono tutte attività che portano diversi benefici al nostro corpo e ci consentono di migliorare le nostre condizioni di forma. Il vantaggio di questi sport è che si praticano in gruppo e sono utili anche per combattere a solitudine. Ci sono un sacco di corsi di diverse discipline adatte agli over 50, tra yoga, ballo, ginnastica, pilates e nuoto. Praticare attività come yoga o ginnastica ci aiutano nella postura, nella respirazione e nello svolgimento di tante attività quotidiane.

Il nuoto aiuta a rafforzare la struttura osseo-articolare e muscolare, senza provocare sovraccarichi, il pilates aiuta a migliorare la postura, il ballo tonifica i muscoli ed aumenta la resistenza fisica. Inoltre ginnastica, ballo e yoga non sono affatto discipline “per donne”, anzi sono sempre più gli uomini che le praticano. Provateci anche voi!

Sollevamento pesi dopo i 50 anni: è possibile praticare questo sport?

Un altro tipo di allenamento che è possibile mettere in atto dopo aver compiuto i 50 anni è quello relativo al sollevamento pesi, anche se è importante tenere a mente delle indicazioni che favoriranno lo svolgimento di questa attività.

Sollevare pesi è un ottimo modo per mantenersi in forma e tenere sotto controllo la propria salute, in quanto si tratta di una disciplina che permette di ottenere molteplici risultati non solo per quanto riguarda il potenziamento muscolare, ma anche per l’attivazione del metabolismo e l’eliminazione dei grassi.

Tra gli accorgimenti da non sottovalutare rientra sicuramente il fatto di non sottoporsi a sedute di allenamento troppo intense laddove si senta del dolore, in quanto queste sensazioni fanno capire che si sta superando un limite che il corpo umano non è in grado di tollerare.
Proprio per questo motivo è bene procedere con cautela, poiché il dolore potrebbe provocare l’insorgenza di anomalie e infortuni, spesso anche di grave entità..

Un programma di sollevamento pesi ben delineato prevede la presenza di vari esercizi, che possono essere svolti in base alle preferenze del soggetto interessato anche se, come in ogni cosa, alcuni di questi possono risultare più facili da eseguire e altri meno.

Qualora si riscontrassero delle difficoltà a svolgere un determinato esercizio è meglio lasciare questa sessione per ultima, in modo da non stancare e stressare troppo l’organismo, alternativa che potrebbe bloccare tutto il processo di allenamento.

Anche dopo aver compiuto i 50 anni è possibile dedicarsi ad un allenamento graduale che permetterà di aumentare il carico da sollevare con il passare del tempo, in quanto la forza tenderà ad aumentare sempre di più.

È bene inoltre, focalizzarsi su tutti gli esercizi in cui ci si sente più forti, in quanto questo permette di sviluppare delle tecniche ponderate che non solo regaleranno degli ottimi risultati, ma agiranno eliminando ogni forma di dolore e potenziando il fisico anche sotto pressione.

Anche se non sempre risulta facile, è infine molto indicato svolgere ogni esercizio con cura, nonostante molto spesso si tende a utilizzare troppo forza e si finisce col farsi male.
Per evitare queste spiacevoli conseguenze bisogna impegnarsi senza esagerare e ascoltare il proprio corpo In quanto, qualora si compisse uno sforzo troppo grande, è meglio prendersi una pausa prima di riprendere la sessione.

 

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!