fbpx

L’Armadio Incantato prende vita grazie al progetto Eosliber

Si chiama L’Armadio Incantato ed è la nuova creazione di Nonna Elisa firmata Eosliber, il progetto della startup Ripensarte. Una realtà innovativa, fondata da Giovanna Agostoni, che si occupa di creare libri cross-mediali, che funzionino proprio come le persone, elaborando cioè diversi stimoli in uno stesso istante. E così le storie si animano tra tridimensionalità, immagini, suoni, video e movimenti pop-up. Un mondo, quello di Eosliber, che si avvale anche di un’app personalizzata tramite cui usufruire di tutta questa tecnologia: «Abbiamo preferito utilizzare un’app specifica piuttosto che il QRCode, per garantire una maggiore protezione ai nostri autori e lettori», spiega la fondatrice Agostoni.

La storia

Dopo “Storia di una gatta che credeva di poter volare”, le storie “gattesche” ideate da Nonna Elisa continuano con L’Armadio Incantato, brevi avventure feline che fanno divertire e sognare i piccoli, anche in compagnia degli adulti. La storia racconta ciò che succede nella comunità felina quando un membro si allontana: due giovani gatti, Lulina e Fiamma, vanno in cerca del micio smarrito, mentre la gatta più anziana, Miaulin, li rassicura che nulla di grave può essere successo: in fondo vivono in famiglia in un mondo protetto… ma non vi sveliamo altro.

Attraverso il mondo dei gatti, l’autrice rappresenta il contesto della sua famiglia, che diventa una famiglia “tipo”: i giovani un poco ansiosi chiedono conferme agli adulti, mentre i piccoli, attraverso il mondo dei loro giochi, sognano e crescono. A differenza del libro precedente, caratterizzato da una maggiore componente divulgativa sul mondo dei gatti, nell’Armadio Incantato l’aspetto educativo è più sottile. Nonostante prevalga l’aspetto ludico, anche in questa storia emergono comunque spunti da cui avviare con il bambino riflessioni e conversazioni.

La crossmedialità

L’uso di un linguaggio crossmediale permette di realizzare delle vere e proprie “stanze” in cui si svolge la vita di tutti i giorni. Il testo narra, i disegni aiutano a immaginare, le pagine pop-up, come ante di un armadio, costituiscono la membrana di comunicazione tra la storia e il mondo dei sogni del piccolo gattino Rugiada, che prendono vita attraverso la realtà aumentata. E allo stesso tempo evocano i nostri mondi paralleli, con al centro gli individui, e permettono anche una visione d’insieme legata alla dimensione della comunità, aspetto che nella cultura occidentale è sempre più rilevante.

Per saperne di più visita il sito di Eosliber

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!