fbpx

Francorosso crede nell’Egitto

Una meta da difendere e una stagione ancora tutta da giocare: Pier Ezhaya, direttore di Francorosso, fa il punto sulla situazione dell’Egitto a ridosso dell’estate.

Le prenotazioni iniziano a dare segnali di ripresa, con Marsa Alam più reattiva e un recupero nelle ultime settimane anche su Sharm el Sheikh. Ma adesso, spiega il manager  TTG Italia, “gli operatori devono sostenere l’Egitto e il trade deve avere la forza di distribuirlo e venderlo, perché è una delle poche mete che lavora 12 mesi l’anno. Noi faremo tutto ciò che serve“.

L’operatore si sta muovendo con Astoi e l’ente del turismo per lanciare una campagna televisiva consumer in televisione, con l’obiettivo di ridare fiducia e stimolare le vendite. Perché se i prezzi sul mercato “sono stati riallineati e sono molto competitivi, non serve fare di più: serve credere di più nella destinazione. Tutti”.

Un segnale che Francorosso ha deciso di cogliere e riflettere sul mercato, rafforzando la fiducia verso l’Egitto attraverso la rete commerciale: “Sia la divisione Alpitour che quella Francorosso – prosegue Ezhaya – hanno già messo in campo una forte campagna commerciale per il mese di maggio: non è specifica sull’Egitto, ma lo include insieme alla Tunisia”.

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!

Resetta la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email o nome utente. Riceverai un link per creare una nuova password via e-mail.