fbpx

Così le reti sociali aiutano a invecchiare in salute

L'Oms lancia il decennio dell'invecchiamento in salute

Dimmi su quante persone puoi fare affidamento e ti dirò come stai. Salute, qualità di vita e benessere bio-psico-sociale, dopo una certa età, dipendono strettamente dalla presenza di una solida rete di contatti. A dimostrarlo non c’è solo una semplice intuizione di buon senso, ma anche la stessa ricerca e i dati scientifici: chi ha una rete solida di relazioni o è parte attiva di un’associazione non solo riesce ad avere una buona percezione di salute e di benessere psicofisico e riesce a gestire più efficacemente ogni situazione, indipendentemente dalla condizione economica individuale, ma ha anche una salute migliore. Sono le persone che ci stanno a fianco a fare la differenza e non bastano dunque le relazioni parentali, amicali e di buon vicinato; per invecchiare in salute è necessario anche essere inclusi in reti territoriali e avere punti di riferimento associativi.

Tutti questi messaggi sono emersi da Tapas in Aging – Time and Places and Spaces in Aging, il progetto biennale (2019-2021) coordinato dall’Uoc Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità della Fondazione Irccs Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano in collaborazione con Auser Regionale Lombardia e finanziato da Fondazione Cariplo, presentato a Milano.

I dati sono stati raccolti su un campione di 431 persone over 50 residenti in Lombardia e afferenti ad Auser Lombardia come volontari o utenti; i soggetti sono equamente divisi tra uomini (209) e donne (222), hanno un’età media di 70 anni (nello specifico, da 51 a 83 anni) e sono per la maggior parte in pensione. Le interviste sono state condotte da gennaio 2020 a giugno 2021 in presenza prima della pandemia, poi online o al telefono. Sono stati organizzati anche dei focus group per approfondire con alcuni soggetti i temi relativi al ruolo delle reti sociali, della casa, e delle tecnologie.

Dalle risposte ricevute, emerge che oltre il 60% degli intervistati riferisce di sentirsi in buona salute e le migliori autovalutazioni arrivano da chi presta servizio come volontario, quindi da chi già appartiene a una rete solida su cui poter contare. Nonostante questo, le persone che gli intervistati sentono più vicine sono in media 9, ma sono solo da 3 a 5 quelle che pensano di poter chiamare nell’ urgenza, nel momento del bisogno.

All’aumentare della solitudine, la ricerca rivela che per tutti gli intervistati diminuisce in maniera sensibile la qualità di vita e aumenta il grado di disabilità, a conferma di un dato noto e cioè del significativo impatto negativo della solitudine sullo stato di salute.

I risultati della ricerca Tapas confermano l’importanza di appartenere a una rete sociale; allo stesso tempo, dimostrano quanto i fattori ambientali siano fondamentali per il benessere della persona, anziana e non, anche in considerazione dei cambiamenti apportati dalla pandemia nella vita di ciascuno.

«La salute in età avanzata non dovrebbe essere definita dall’assenza di malattia – dice Matilde Leonardi, coordinatrice della ricerca Tapas e direttore della Uoc Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità del Besta – L’invecchiamento in buona salute è realizzabile da ogni persona. È un processo che consente a persone anziane di continuare a fare le cose che sono importanti per loro. Da oltre 10 anni al Besta coordiniamo ricerche internazionali e nazionali sul ruolo di spazio, tempo e relazioni come determinanti di salute. I nostri progetti Courage, Idagit e Athlos hanno dimostrato come per invecchiare in salute sia necessario agire su questi fattori ambientali per renderli facilitatori e non barriere. Quando si tratta di salute, come dichiara anche l’Oms, non c’è nessuna persona anziana “tipica”: l’invecchiamento biologico è solo vagamente connesso con l’età della persona. La salute in età avanzata non è casuale: in alcuni casi riflette l’eredità genetica, ma spesso è influenzata proprio dall’ambiente fisico e sociale in cui la persona anziana vive. Parliamo di opportunità, di relazioni e di comportamenti. Per gli anziani intervistati in Tapas sapere di essere inseriti in una rete associativa come Auser è stato di grande aiuto, prima e durante la pandemia, e ha evitato che si sentissero soli. Questa è la grande forza delle reti: stare in connessione con gli altri, anche grazie alle nuove tecnologie».

Una rete solida si caratterizza per la fiducia, come quella che si stabilisce tra i volontari Auser e le persone anziane che vengono aiutate e progressivamente portate a uscire dalla solitudine: «La popolazione anziana è un capitale sociale, non può essere vista solo come sinonimo di spesa sanitaria o di assistenza sociale – afferma Ersilia Brambilla, presidente di Auser Regionale Lombardia – ecco perché le reti sociali sono acceleratori di cambiamento e di raggiungimento degli obiettivi. Attraverso la telefonia sociale e la rete capillare dei nostri centri, Auser ha creato in Lombardia e in Italia ha un modello organizzativo straordinario per favorire inclusione e inter-generazionalità. Un “invecchiamento in salute” deve coinvolgere tutti i livelli e i settori istituzionali, stabilendo politiche e programmi per intervenire ad esempio su alloggi senza ascensore, spazi verdi, luoghi di socialità, trasporti e mobilità a piedi: dato l’andamento demografico questo è un imperativo, non un’opzione. L’accesso alle cure, inoltre, deve essere prossimo al luogo di residenza e “domiciliarità” deve diventare la parola chiave del futuro».

Riflessioni condivise anche da Guido Agostoni, presidente del Dipartimento Welfare di Anci Lombardia: «In relazione alle due coordinate di spazio e tempo si deve sempre più esplicitare anche il ruolo dei Comuni: vicini ai cittadini e sempre presenti, in sinergia con gli altri protagonisti, dalle aziende sanitarie alle realtà del terzo settore anche grazie agli strumenti della co-programmazione e co-progettazione da rendere sempre più operativi con i nuovi piani di zona. Secondo questa linea il tema della domiciliarità, cioè del sostegno alla permanenza della persona anziana nel proprio nucleo e nel proprio ambito di vita, è prima di tutto un fatto di civiltà e di cittadinanza».

All’incontro è intervenuto anche monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita e della Commissione per la riforma della assistenza sanitaria e socio-sanitaria per la popolazione anziana del ministero della Salute, che ha parlato della proposta di riforma assistenziale agli anziani, consegnata di recente anche al premier Mario Draghi. «La proposta – spiega – nasce con l’intento di riportare gli anziani al centro, nelle loro case, nei quartieri, nelle periferie delle grandi città così come nelle aree a rischio di spopolamento. L’obiettivo è creare un continuum assistenziale attraverso servizi di rete sul territorio per tutti gli over 80, la categoria più a rischio di dipendenza e di solitudine. La Carta dei Diritti degli Anziani e dei Doveri della Società ribadisce e approfondisce concetti fondamentali come il rispetto della dignità della persona anche nella terza età, un’assistenza responsabile e una vita attiva di relazione. È dovere delle istituzioni e della società evitare che l’anziano si senta isolato».

L’obiettivo della valorizzazione della persona anziana sta molto a cuore anche all’Oms: «L’Oms ha presentato a gennaio 2021 il Decennio per l’Invecchiamento Sano, inaugurato con il “Who Baseline Report on Healthy Aging”, studio mondiale sulle condizioni di invecchiamento e buone pratiche cui hanno contribuito 100 differenti organizzazioni, con 350 casi di studio in 55 paesi in tutto il mondo – ha detto la dottoressa Ritu Sadana, autrice principale del report e capo dell’Unità Invecchiamento e Salute dell’Oms, che ha partecipato in collegamento streaming al convegno Tapas – Nel report, Tapas è menzionato come progetto che contribuisce alla definizione di “functional ability” e l’associazione Auser, con le attività che svolge in tutta Italia per promuovere l’invecchiamento attivo, è indicata come buona pratica a livello internazionale per facilitare il raggiungimento degli obiettivi».

Investire nella ricerca è fondamentale e, sulla scorta degli ottimi riscontri ottenuti da “Tapas in Aging”, Fondazione Cariplo ha già accordato nuova fiducia all’Istituto Besta e ad Auser Lombardia per un ulteriore progetto, Ampel, che verrà condotto con l’Università Bicocca e sarà avviato a breve.

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!