fbpx

Comprare e vendere l’usato: ecco dove

La cameretta e i giochi dei bambini che ormai sono diventati grandi? Una collezione di vinili o volumi cartacei, ora che il digitale la fa da padrone? Ma anche abiti, accessori e articoli per la casa, poi auto e moto, elettronica, gioielli, oggetti hand made. Fino alle ripetizioni scolastiche e alle abilità manuali: dovete ridipingere una stanza, smontare un armadio, traslocare? Iniziate navigando.

Online si vende di tutto e spesso a prezzi vantaggiosi, in mancanza di intermediari. Secondo una recente ricerca Doxa, il 44% degli italiani ha venduto o comprato almeno una volta così negli ultimi anni. E i settori più trafficati sono l’abbigliamento (la parola vintage vi ricorda qualcosa?) e l’high tech.

L’e-commerce è facile e veloce, vi evita di muoversi da casa, cercare posteggio e magari aspettare in coda. È anche sostenibile, visto che combatte lo spreco: quello che a voi non serve più potrebbe essere utile ad altri e viceversa. Ma come spesso accade in rete, dove non sappiamo chi c’è dall’altra parte dell’etere, bisogna raddoppiare le attenzioni.

Per prima cosa dovete farvi un’idea più o meno precisa del valore di quello che volete vendere. Come? Navigando e confrontando i prezzi di oggetti simili già in vendita. Esistono anche dei portali dedicati espressamente alle valutazioni dell’antiquariato e dell’oggettistica da tavola. Naturalmente le condizioni incidono moltissimo sul prezzo, così come la presenza di scontrini, imballaggi e accessori originali, soprattutto nel campo dell’elettronica.

Il secondo passo sarà l’annuncio: scrivetelo con un linguaggio chiaro e dettagliato e aggiungete una o più fotografie, magari con dettagli. Dove? La scelta è davvero ampia. Su eBay, se volete raggiungere un pubblico internazionale e siete disposti a pagare una piccola commissione. O su mercatini come Subito, Kijiji, Bakeka, se cercate acquirenti più vicini. Opzione consigliabile anche nel caso di oggetti ingombranti che diventerebbe dispendioso spedire. Anche i social hanno i loro gruppi e mercatini.

Consigli? Accordatevi con chiarezza sulle spese di spedizione: sono a carico vostro o dell’acquirente? Nel caso la consegna avvenisse a mano, ricordatevi che si tratta pur sempre di una persona estranea. Quindi incontratevi in un luogo pubblico e se per esempio si tratta di un mobile, da smontare e/o ritirare a casa vostra, fate in modo che ci sia qualcuno con voi. Se spedite, imballate bene gli oggetti, aspettate di avere ricevuto il pagamento e scegliete sistemi affidabili come PayPal. Meglio non divulgare dati sensibili.

Lucia Compagnino

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!

Resetta la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email o nome utente. Riceverai un link per creare una nuova password via e-mail.