fbpx

Demenza digitale: la perdita di memoria non solo tra gli over 50

Nel blog di oggi allarghiamo la nostra attenzione sulla fascia di età , non solo il paziente aging 50enne e oltre, ma anche quello più giovane. Questo per cercare di assumere anche un atteggiamento preventivo e non solo terapeutico. Dimenticare il motivo per cui sei entrato in una stanza, hai lasciato le chiavi o ignorato il nome di qualcuno possono sembrare i primi segni dell’Alzheimer o della demenza. Ma anche i ventenni sperimentano questi comuni vuoti di memoria.

Ricerche recenti hanno dimostrato che iniziamo a sperimentare un graduale declino della memoria nei nostri primi 20 anni. I neurotrasmettitori necessari per l’apprendimento e la memoria ottimali non vengono prodotti nelle stesse quantità dell’adolescenza.

Uno studio condotto presso l’Università della California – Los Angeles ha intervistato 18.614 persone di età compresa tra 18 e 99 anni. Ai soggetti è stato chiesto informazioni su una varietà di stili di vita e fattori di salute.

I ricercatori si sono concentrati su cose note che possono aumentare il rischio di Alzheimer e demenza. Cose come depressione, diabete, livelli di istruzione inferiori, obesità e fumo. I ricercatori hanno scoperto che questi fattori di rischio aumentavano le possibilità di perdita di memoria.

Ma la cosa sbalorditiva è che questi disturbi della memoria provenivano da tutte le età. Compresi i giovani adulti.

Un altro studio condotto in Corea del Sud ha rilevato che le persone che fanno molto affidamento su smartphone e computer soffrono di un calo della memoria a breve termine. I ricercatori la chiamano “demenza digitale“.

Sembra che l’uso eccessivo di smartphone e dispositivi di gioco sconvolga lo sviluppo equilibrato del cervello. L’uso intensivo di questi dispositivi sovrasviluppa l’emisfero cerebrale sinistro. Lasciando l’emisfero destro sottosviluppato.

Questo danno cerebrale è solitamente associato a malattie psichiatriche, ictus, tumori e lesioni cerebrali traumatiche.

E si manifesta nella vita reale come problemi di attenzione, memoria, organizzazione, orientamento, risoluzione dei problemi, ragionamento e comunicazione sociale.

Il sottosviluppo dell’emisfero cerebrale destro può portare a una demenza a esordio precoce.

La buona notizia è che si possono evitare e invertire su questi deficit cognitivi e di memoria con integratori nootropici. Questo vale per tutte le fasce d’età. Per i nostri lettori ma anche per persone giovani tra i 20 ei 30 anni.

Ne parleremo nel dettaglio nei prossimi blog.

Dr. Andrea Militello – Urologo Andrologo – www.urologia-andrologia.net

Nato a Ravenna il 19 settembre 1965. Specialista Urologo Andrologo, diplomato alla scuola Italiana di Ecografia, Master in perfezionamento in chirurgia protesica e fisiopatologia della riproduzione umana. Socio attivo delle principali Società Italiane di Urologia e Andrologia. Libera docenza presso Università Federiciana di Roma e Cosenza in scienze Urologiche. Docente presso Accademia Biomedica Rigenerativa. Esperto in medicina antiaging. Reviewer della rivista internazionale Central European Journal of Urology. Premiato nel 2014 e 2018 quale miglior Urologo e Andrologo d’Italia. Svolge attività privata a Roma, Viterbo, Avezzano, San Marino, Milano e Cosenza (Acri).

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!

Resetta la tua password

Inserisci il tuo indirizzo email o nome utente. Riceverai un link per creare una nuova password via e-mail.